Pubblicato da: sara | ottobre 16, 2008

Uffa

Sono le  9.54, ed ho già ricevuto ben 5 telefonate da parte di  gente che vuole vendermi qualcosa. Vodafone, Wind, Fastweb, consulenze aziendali e cancelleria varia. Basta per favore, basta.  C’è una cosa in queste telefonate  che mi fa incazzare di brutto e parlo della maleducazione dei centralinisti. Premetto che probabilmente i ragazzi che lavorano nei call center non saranno felici di rompere le palle alla gente ogni singolo minuto di ogni singolo giorno (magari per 800 € ), ma a me non importa, io non li sopporto (indipendentemente dal fatto che probabilmente con quella telefonata stiano pagando un affitto da cravattari o la quota della mensa per i bambini). Non sopporto le voci gracchianti delle donne e quelle impostatissime degli uomini, non sopporto il fatto che parlino sempre e solo loro, non sopporto il fatto che al tuo “no grazie” scatta il meccanismo “aggredire per convincere”. Eccheccavolo. In tutto questo però c’è una tipologia di centralinista, addestrata militarmente direi, che chiede del direttore (spacciandosi per qualcuno di credibile) e una volta in contatto con i piani alti tenta di vendere cose improbonibili come la marmellata di fichi. Le conseguenza di tale gesto le lascio alla vostra immaginazione.

Abbiate pazienza centralinisti sottopagati di tutto il mondo e sopportate chi, come me, al secondo “non ne abbiamo bisogno grazie” mette giù.

Sono soltanto le 10.00, il mio turno finisce alle 19.00.

Annunci

Responses

  1. Io ci provo ad essere cortese.
    Ci provo eh.
    Con certi è davvero impossibile.
    Specialmente quando telefonano il pomeriggio per proporti qualcosa che hai passato mezz’ora a rifiutare la mattina 🙂


Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: